Nerd2 Plays Modena: 5 Cose che ci sono piaciute (+1)

Ed eccoci di nuovo a zonzo per fiere, festival ed eventi!
Settimana scorsa il sottoscritto è partito con Nerd2 #BFF Cecilia alla volta del mitico Play a Modena. Vergini dell’evento ci siamo fatti trasportare un po’ a caso… e questo è quello che abbiamo trovato. Come sempre ci dedicheremo prevalentemente a cose un po’ più indie e (forse) meno conosciute… così per affinità elettiva! Se non siete mai stati al Play, vi suggeriamo di metterlo in agenda per il prossimo anno, è veramente un evento che merita di essere esplorato. Ci è piaciuto molto anche Play and the City, una specie di fuori salone (fuori gioco?) con eventi e giochi sparsi per tutta la città, per esempio sulle tovagliette del ristorante dove si teneva la Cena col Delitto a cui abbiamo partecipato, o anche sui totem alla fermata del bus! Insomma, il Festival del Gioco è assolutamente imperdibile per gli amanti del gioco in tutte le sue forme… ma anche per chi è solo curioso o ha voglia di passare due giorni “diversi.” 

Quindi senza perdere altro tempo beccatevi la nostra lista di cose che ci sono piaciute!

“Scritto a Mano”, Pagina del Necronomicon annotata

Scritto a Mano”, Pagina del Necronomicon annotata

First Stop! 
Già li seguivo, ma non potevo perdere l’occasione di toccare con mano i bellissimi lavori su vera pergamena (non cartaccia finta!) di “Scritto a Mano”! Guardate che belli e andate a trovarli sulla loro pagina FB.

 

 

 

 

 

Second Stop!
Qui ci siamo proprio divertiti, si si. 
Abbiamo conosciuto gli autori, Valentino Sergi e Michela Coletto, che ci hanno fatto provare il loro divertentissimo Suicidium. Un gioco di carte/boardgame con due modalità (suicidati o cerca di far suicidare gli altri) disegnato benissimo, con regole semplici e accattivanti, e una totale mancanza di politically correctness (quanto ci piace!). Insomma abbiamo finito col comprarne due scatole… ovviamente quelle in edizione limitata.

Djuvedj, Portachiavi e pendenti

Djuvedj, Portachiavi e pendenti

Third Stop!  
ROBOT! Come potevano non fermarci? La Tata Robotica promuove l’educazione alla creatività tecnologica e vende anche oggettistica a tema. Abbiamo scovato i lavori dell’artista/gioielliere Djuvedj (Tomislav Zidar) Dopo circa 3 ore passate a decidere se prendere portachiavi, anelli o spillette… e altre tre a decidere la combinazione perfetta tra forma, colore e robottino… Cecilia è ora la felice proprietaria di due gadget veramente carini.

 

 

Fourth Stop!
Abbiamo conosciuto Laura Guglielmo (guardate che belle le sue illustrazioni!) e Cecilia non ha resistito e ha commissionato Una Cappuccetto Rosso tatuata per un pensiero speciale. Io invece non ho potuto no comprare questa ironica illustrazione di Occhi di Falco. Grande Laura. 

Amici ritrovati!

Amici ritrovati!

Fifth Stop! 
Ed ecco arrivati a Demodex by Astra, uno degli stand più pericolosi del Play. Peluche originali (I Pigacorn (maiale unicorno), Cinghiastrelli (cinghiali pipistrello) e le borse mostrillo per i dadi) e ispirati al mondo del fantastico (come la volpe del piccolo principe che il mio socio Emanuele mi ha costretto a comprargli) tutti fatti a mano, e veramente ben fatti. Brava!

Demodex by Astra, Cinghiastrelli, Pigacorn, Borse Mostrillo & More!

Demodex by Astra, Cinghiastrelli, Pigacorn, Borse Mostrillo & More!

+1
Con il Play Modena non c’entra nulla… ma proprio nulla. Ma se siete a Modena e vi piace bere (e mangiare) veramente bene… andate allo Spaccio delle Carceri. Veramente. Alessio e Filippo ci hanno servito cocktail dopo cocktail originali e squisiti — e siamo due che di bere bene qualcosa ne sanno — e l’atmosfera del locale veramente merita. 

Spaccio delle carceri

Spaccio delle carceri

And that’s all folks! Gustatevi la galleria con all the rest e ci vediamo per (forse) Etna Comics!

Che la forza sia con voi. 
Sempre.
Daniel de Filippis