#Game(r)boy8: Di pirati, sciabole e arrembaggi

static1.squarespace.com.jpg

L’ultima volta che ci siamo sentiti su questi canali, riferendoci a Star Trek, abbiamo parlato del relativo CCG, ovvero collectible card game, fenomeno ludico, sociale e di costume a partire della seconda metà degli anni’90.

In quest’occasione, considerando che tra meno di un mese buona parte di noi (di Nerd2 e anche i lettori) saremo per le strade di Lucca Comics&Games 2018, cosa c’è di meglio che parlare di un misconosciuto, fino all’anno scorso, gioco di ruolo da cui è stato prodotto anche un longevo gioco di carte collezionabili.

jolly-roger_rackham.jpg

Il gioco di ruolo è in questione è il pluripremiato 7th Sea, Gioco di ruolo dell’anno 2017, con tanto di autore, John Wick, presente a Lucca vestito più o meno come i protagonisti della sua ambientazione, affascinanti pirati, bucanieri e tagliagola che solcano appunto i sette mari del titolo in una fantasiosa versione del nostro continente in salsa cinquecentesca.

banner7th-seaita.jpg

7th Sea nasce dalla AEG, la casa editrice di Legends of the Five Rings, altra succulenta ambientazione non proprio famosissima dalle nostre parti. Swashbuckling Adventures è il contenitore generico in cui si trova 7th Sea e in effetti proprio di questo si tratta: se avete in mente il genere cinematografico dello swashbuckling o “cappa e spada”, se avete letto il Corsaro Nero di Salgari o semplicemente se siete rimasti incollati nel vedere la serie tv di Black Sails, qui c’è un ambientazione che farà decisamente per voi.

Per inciso, se non avete ancora visto questa bellissima serie, accedete al vostro account di Netflix e perdeteci un po’ di tempo…sarà ben speso!

Black-Sails-Logo-e1421852690192.jpg

La prima edizione di 7th Sea ha prodotto una valanga di manuali, i più mai giunti nella nostra penisola: per questo motivo prima abbiamo osato dire misconosciuto, non certo per il mercato americano, ma purtroppo per il nostro, dove i manuali stessi erano di difficile reperibilità.

L’avvento dei bravissimi ragazzi della Need Games ci ha portato una versione in italiano pari a quella americana, nello specifico l’ultima, la seconda...quella che ha rilanciato il mondo di Theah dove si mescolano magia, avventura, conquistadores, gabbiani e colpi di cannone a più non posso.

7th sea ccg.jpg

Si parlava prima di un gioco di carte e in effetti ci fu un tempo nella mitica preistoria del mondo ludico dove assieme a Magic the Gathering e in compagnia di Jyhad (sempre dell’illustre Richard Garfield), il ccg di 7th Sea faceva la sua bella figura, sopravvivendo fino addirittura al 2005, ovviamente accompagnato dalla vagonata di espansioni.

Dopo queste simpatiche chiacchiere in vostra compagnia vi dobbiamo lasciare...la vedetta ci comunica di avere avvistato un mercantile di Ussura che fa vela verso di noi, non sa a cosa va incontro…issate il Jolly Roger e preparate i cannoni!

#Game(r)Boy è la rubrica curata da Anthony Kingsley Frizzera, che scrive, gioca e sogna. 

media-27839-w1400-c76x63x0x0-q80.jpg