#Game(r)boy3: Che la forza sia con voi!

static1.squarespace.com.jpg

...tanto tempo fa in una galassia lontana lontana…

Lo sappiamo, dal 1977 è un po’ stereotipato come incipit per un qualsiasi articolo riguardante il mondo creato da George Lucas, ma quando si parla di Star Wars, bastano queste poche righe per sentire in sottofondo le musiche di John Williams e per rivedere passare, davanti ai propri occhi, un enorme Star Destroyer che copre tutto lo schermo.

E perchè parlare (ancora?) di Star Wars quando ormai da qualche anno se ne discute a cadenza costante visto il massiccio bombardamento mediatico di scuola Disney (proprietaria dei diritti del vostro universo sci-fi preferito), causa rilancio di tutto il brand, perchè?

solo.jpg

Per la cronaca, giusto se qualcuno di voi vivesse su Marte, è da poco uscito l’ennesimo spin-off della saga, questa volta centrato sul giovane Han Solo, il più charmant contrabbandiere di Corellia e dintorni:

Comunque si diceva...perchè parlarne ancora?

Ma perchè, come ci ha insegnato la bellissima serie Netflix "I giocattoli della nostra infanzia” e come sapranno gli avidi nerd collezionisti che ci leggono, l’universo di Star Wars non si limita ai 3...6...8 film, ma esiste un enorme expanded universe fatto di comics, action figures, cartoni animati, libri, videogiochi e non ultimi i giochi di ruolo.

La Fantasy Flight Games, con la più classica delle operazioni nostalgia, ha fatto uscire in questi giorni una riedizione deluxe del manuale base edito 30 anni fa dalla defunta West End Games...siamo sicuri che chi comincia ad avere qualche capello bianco in testa se lo ricorderà.

books-in-slipcase-2-with-wrap.png

E si ricorderà anche pomeriggi estivi passati a sognare di pilotare un X-Wing cercando di portare a casa la pelle attraversando un banco di asteroidi o parlando lingue astruse con qualche alieno tra le centinaia che popolano questo multiculturale universo (Sullustani, Ithoriani, Rodiani, Twi’Lek e via dicendo): forse qualcuno di voi avrà anche immaginato di sparare a Jar-Jar Binks ma quella è un’altra storia…

Comunque il nostro consiglio per quest’estate oltre che riguardarvi la serie (che non fa mai male!), è di acchiapparvi il manuale in questione o una vecchia edizione, così rispolverate anche il vostro inglese ludico, recuperate amici/amiche e passate più di una serata in compagnia, insieme alla vostra fantasia, alle stelle sopra di voi e a una manciata di immancabili dadi da 6!

Noi di Nerd2 siamo sicuri che non ve ne pentirete!

pew.jpg

 

#Game(r)Boy è la rubrica curata da Anthony Kingsley Frizzera, che scrive, gioca e sogna.